eCO2™ Laser frazionato

Un nuovo laser che ringiovanisce la pelle

Che cos’è?

La terapia Laser viene utilizzata in Medicina da anni. In particolare, oggi, la continua ricerca tecnologica e l’evoluzione dei diversi macchinari medicali permette di utilizzare dei device dedicati a diversi tipi di patologie ed inestetismi ed ecco perché anche in Medicina e Chirurgia Estetica si ricorre spesso all’utilizzo della tecnologia Laser. Questo tipo di apparecchio è in grado di emettere un raggio monocromatico mediante Amplificazione della Luce per Emissione Stimolata di Radiazione (da qui l’acronimo inglese LASER) che consente di definire una fototermolisi del tessuto interessato determinando un collabimento delle pareti vasali e la conseguente coagulazione del vaso. A seconda del manipolo utilizzato permette di ottenere un resurfacing cutaneo ottimale, riducendo la visibilità delle rughe, migliorando il tono cutaneo e le irregolarità superficiali. Con il manipolo chirurgico è possibile inoltre asportare diverse lesioni cutanee.

CHE MACCHINARIO VIENE UTILIZZATO?

Utilizziamo macchine di ultimissima generazione grazie anche al sodalizio con una delle più importanti industrie di produzione di strumenti medicali: Lutronic®.

In particolare per quanto riguarda il laser CO2 frazionato viene impiegato un macchinario di ultimissima generazione, approvato dalla FDA Americana (Food, Drug and Administration), di nome eCO2™.

Il laser eCO2™ è uno strumento per il resurfacing frazionato CO2 e combina la tecnologia dual mode (statica e dinamica) con le proprietà di ablazione profonda di un sistema laser CO2. Le caratteristiche che lo contraddistinguono da un normale CO2 sono diverse ma soprattutto possiede una tecnologia brevettata chiamata “Controlled Chaos Technology” che minimizza i danni termici e crea un aspetto post trattamento naturale. Inoltre si ha, come detto, la possibilità di scegliere la modalitrà statica e dinamica tra pattern casuale e regolare con varie ampiezze di scansione, per risultati clinici su misura. L’eCO2™ presenta anche un contatore automatico di energia totale con la copertura del trattamento, il sensore della pelle ed il raggio di puntamento.

CHE INDICAZIONI CI SONO AL TRATTAMENTO?

Questo tipo di metodica consente un fortissimo ringiovanimento cutaneo di viso, collo e decolté, e migliora in maniera eccezionale la texture, le iperpigmentazioni, elastosi cutanee e piccole o medie rugosità. Anche gli esiti cicatriziali rispondono molto bene al trattamento: cicatrici post acne, cicatrici da intervento o da ustione. In ogni caso sarà il medico che effettuerà il trattamento a verificarne la reale indicazione.

ESISTONO CONTROINDICAZIONI AL TRATTAMENTO?

L’esecuzione del laser frazionato non è sempre possibile e può essere controindicata in quei soggetti con anamnesi positiva per cicatrici ipertrofiche o cheloidee, soggetti in terapia con farmaci o foto sensibilizzanti, in presenza di malattie autoimmunitarie della pelle e in caso di infezioni ricorrenti da Herpes virus (il medico valuterà l’opportunità di effettuare il trattamento previa terapia profilattica con antivirali). È inoltre controindicato il trattamento in gravidanza e allattamento, dovendo applicare anestetici, antibiotici e cortisonici. La pelle per essere trattata non deve essere abbronzata ecco perché si ricorre spesso a questo trattamento nei periodi autunnali/invernali ed il trattamento non è particolarmente indicato per chi ha la pelle molto scura.

IN COSA CONSISTE IL TRATTAMENTO?

Il raggio laser CO2 riscalda e vaporizza il tessuto cutaneo, rimuovendo istantaneamente gli strati superficiali della pelle. Ogni spot microfrazionato crea una zona termica e le cellule intatte, intorno alla zona trattata, aiutano il processo di guarigione inducendo rigenerazione cellulare. La contrazione dei tessuti implicati è immediata mentre il miglioramento strutturale della pelle si inizia a vedere circa dopo una settimana dalla procedura.

Il trattamento Laser è moderatamente doloroso, naturalmente in base anche a diverse variabili come la soglia del dolore soggettiva, la sede e l’estensione della regione da trattare, la profondità del trattamento, il colore della cute; è possibile ed opportuno utilizzare creme topiche, anestetiche, da applicare 30-40 minuti prima per rendere più agevole il trattamento.

QUALI SONO I POSTUMI DEL TRATTAMENTO E GLI EVENTUALI EFFETTI COLLATERALI?

In genere la seduta di LASER CO2 frazionato è seguita da un eritema (rossore) con un edema variabile che può essere importante, anche a seconda della profondità raggiunta, e tale da rendere poco agevole la vita sociale. Inoltre spesso si formano piccole croste nella regione trattata, che di solito regrediscono spontaneamente nell’arco di 7-10 giorni. È bene che queste crosticine non vengano per nessun motivo rimosse dal paziente, quindi bisogna anche avere molta cura durante la fase di pulizia quotidiana. Il post trattamento può essere seguito da una dolorabilità con prurito e se le aree trattate non vengono adeguatamente protette dai raggi solari o UV è possibile che si manifestino delle aree di ipo o iperpigmentazione che regrediscono spontaneamente o attraverso una terapia cosmeceutica propria.

BISOGNA PRENDERE PARTICOLARI PRECAUZIONI DOPO LA SEDUTA?

L’astensione dai raggi solari, come precedentemente indicato, deve essere protratta per almeno 30 giorni dopo la seduta. Subito dopo il trattamento, a livello della regione trattata, viene applicata della crema antibiotica o dell’unguento per cercare di ammorbidire la zona ed evitare una eccessiva cicatrizzazione: unguento che deve essere applicato per qualche giorno o su consiglio del medico anche al domicilio. Nei primi giorni è opportuno evitare di sfregare e di sottoporre a traumi diretti la regione interessata. Per qualsiasi chiarimento è importante non prendere iniziative ma sempre richiedere il parere di chi ha effettuato il trattamento.

QUANTO DURA L’EFFETTO RAGGIUNTO?

Generalmente si esegue una sola seduta di trattamento ma è possibile che per raggiungere i risultati desiderati si debba ricorrere ad un ulteriore trattamento a distanza di almeno due mesi; questo per far sì che siano apprezzabili i primi risultati e che la regione riacquisisca la fisiologica condizione per essere nuovamente trattata.

I risultati non sono definitivi e durano per un periodo variabile, perché la pelle verrà sottoposta agli effetti dell’invecchiamento, irreversibile, e dello stile di vita (fumo, esposizione al sole o lampade UV, variazioni di peso, etc..). Mediamente si deve ricorrere ad un altro trattamento annualmente per mantenere il risultato raggiunto.

FR Clinic © 2019. All rights reserved.