Endolift Eufoton®

Laser per ringiovanire

L’invecchiamento come sappiamo pone inesorabilmente i suoi segni a livello del volto ed in più, a volte, si sommano altre condizioni che ne peggiorano la situazione come ad esempio l’astensione alla cura, il sole, l’assunzione di alcuni farmaci, l’aumento o la perdita del peso corporeo: tutte situazioni che incidono notevolmente su quella che è la qualità della pelle e dei tessuti, inficiandone la gradevolezza estetica. Ad oggi abbiamo a disposizione ottimi strumenti che siano in grado di andare ad aumentare il volume dei nostri tessuti e renderli più polposi così come per migliorare l’aspetto della texture cutanea attraverso iniezioni biostimolanti, peeling chimici o dei laser ablativi o non ablativi di ultima generazione, mentre non abbiamo molto a disposizione per cercare di ridurre l’ecceddenza tali tessuti o di andare a definire una vera e propria azione liftante contro gravità. In realtà, negli ultimi anni è stato introdotto uno speciale macchinario laser chiamato Endolight lift, che finalmente ci ha dato un’enorme aiuto per poter andare ad agire in questo senso.

CHE COSA È?

Si tratta di una nuova tecnologia laser-assistita ambulatoriale mini invasiva  per il rimodellamento e il ringiovanimento di viso e corpo, che consente di ottenere ottimi risultati in termini di riduzione del grasso localizzato, ridefinizione dei profili, incremento del tono della pelle e riduzione delle lassità cutanee, riducendo l’invasività e quindi evitando il periodo di convalescenza dei tradizionali lifting.

CHE MACCHINARIO VIENE USATO?

Nei nostri studi utilizziamo il macchinario Endolight Lift LASEmaR 1500 di Eufoton, laser diodo che emette una lungezza d’onda di 1470nm, che ha come cromoforo ed obiettivo grasso ed acqua. Si usano microfibre ottiche da 100 fino a 300 micron.

COME FUNZIONA?

L’Endolight Lift è  un trattamento che, attraverso una sottilissima microfibra ottica introdotta sottocute, veicola nelle aree da trattare un impulso LASER che, riscaldando i tessuti va a compattare i tessuti agendo direttamente sulla costrizione collagenica e diminuendo nello stesso tempo il tessuto adiposo in eccedenza, determinando così una sorta di azione liftante della regione trattata. La tecnologia laser è conosciuta ormai da molti anni ed è impiegata con grande soddisfazione, sia in ambito medico che in quello chirurgico infatti la fonte laser è utile per il trattamento di numerose condizioni patologiche o antiestetiche. Il funzionamento di questo dispositivo è molto semplice: la luce laser emessa viene espressa con una lunghezza d’onda che ha come obiettivi, il grasso e l’acqua; questa caratteristica ci permette di andare a diminuire lo strato adiposo per colliquazione termica e meccanica ma, allo stesso tempo, di andare a creare il cosiddetto “shrinking collagenico” ovvero il restringimento delle fibre del collagene in maniera da non determinare solo uno svuotamento ma ottenere una contrazione della cute.  Le fibre collageniche possono essere paragonate ad una molla che, con il passare del tempo, perde di tono e si allunga provocando la lassità cutanea e grazie a questo particolare laser è possibile, come già precisato, definire uno svuotamento adiposo e “restringere” le fibre conferendo maggiore tonicità alla pelle.

QUALI SONO LE INDICAZIONI AL TRATTAMENTO?

Sono candidate al trattamento le aree cutanee di viso e corpo (braccia, cosce, ginocchia,  addome….) caratterizzate da lassità lieve o moderata e/o da adiposità localizzate. In particolare, si ottengono ottimi risultati nel terzo inferiore del viso e nell’area sottomentoniera, con ridefinizione dei profili mandibolari e dell’angolo mento-cervicale.

ESISTONO CONTROINDICAZIONI?

Il trattamento non viene effettuato in gravidanza, in presenza di abrasioni, ferite o patologie localizzate della cute, in soggetti con paralisi spastica, affetti da trombosi/ tromboflebiti ricorrenti, in caso di ipertrigliceridemia o ipercolesterolemia o gravi insufficienze epatiche, in pazienti in  terapia anticoagulante.

IN COSA CONSISTE IL TRATTAMENTO?

Pur essendo nato come trattamento chirurgico, con queste particolari caratteristiche è possibile utilizzare questo tipo di laser per trattamenti di natura medicale, quindi all’interno dei nostri studi, senza dover ricorrere alla sala operatoria e soprattutto senza l’ausilio di alcuna anestesia, con risultati che si avvicinano molto a quelli chirurgici. Il trattamento Endolight lift si effettua nell’arco di mezz’ora o di un’ora circa, ma è chiaramente condizionato dall’estensione dell’area da trattare. Per mantenere il livello del trattamento in ambito ambulatoriale prediligiamo non effettuare alcun tipo di anestesia anche perché lavorando sotto cute non esiste una vera e propria terapia antalgica. È un trattamento che per alcune persone può essere doloroso, ma la maggior parte dei pazienti segnala una sensazione di fastidio, sintomatologia che può comunque essere attenuata con l’apposizione di ghiaccio o un getto d’aria fredda sull’area da trattare.

Il trattamento avviene portando sottocute una particolare e tecnologica microfibra ottica con diametro molto piccolo e lunghezza variabile che, con un movimento di va e vieni da più punti del viso o del corpo, emette l’impulso laser, rompendo gli adipociti e restringendo le fibre collageniche dei setti fibrotici all’interno del tessuto.

CHE POSTUMI CI SONO DOPO IL TRATTAMENTO?

Possono comparire piccolissime ecchimosi o luna piccolissima ustione superficiale nella sede d’ingresso della microfibra e può permanere per qualche giorno una sensazione di indolenzimento della regione trattata. Sono descritti rarissimi casi di rottura della fibra durante il trattamento. È presente una quota variabile di edema nelle aree trattate.  In caso di trattamenti all’addome o agli arti inferiori, può essere opportuno nel post-operatorio indossare guaine contenitive/panciere o collant a compressione graduata per alcuni giorni per ridurre l’edema. Per lo stesso motivo è consigliato evitare saune, bagni turchi e l’esposizione solare per alcuni giorni.

I risultati si avvicinano molto a quelli chirurgici, ma con il plus di avere un post trattamento praticamente privo di effetti collaterali, il che permette di tornare alle proprie attività gia’ qualche minuto dopo la conclusione della procedura.

CHE DURATA HANNO I RISULTATI OTTENUTI?

Un primo risultato è già visibile al termine della seduta, soprattutto per quanto riguarda la riduzione ddella componente adiposa, ma l’effetto di rassodamento migliora e si assesta nell’arco dei 2-4 mesi successivi, tempo richiesto per il completamento della produzione di nuovo collagene, dello  “skin tightening” e del drenaggio della componente adiposa eliminata. Spesso le pazienti ci chiedono quanto durano nel tempo i risultati dei trattamenti effettuati, ma la realtà è che possiamo fare solo una previsione perché l’entità e la durata nel tempo è estremamente legata alla variabilità biologica di ognuno di noi e al soggettivo stile di vita (esposizione solare, fumo, inquinamento, incremento ponderale, etc). In condizioni stabili generalmente il trattamento dura oltre l’anno. Mediamente è sufficiente una sola seduta ma è possibile aumentarne o stabilizzarne gli effetti con una seconda seduta, ma non prima di 5-6 mesi. E’ chiaro che qualora ci sia una importante presenza di tessuto adiposo le sedute devono necessariamente aumentare di numero per poter raggiungere un risultato soddisfacente.

Il trattamento con Endolight lift è abbinabile ad altri trattamenti di medicina estetica per potenziarne gli effetti: l’unico accorgimento è quello di non effettuarlo in aree in cui si è iniettato del filler a base di acido ialuronico, che verrebbe metabolizzato dal laser, vanificandone l’effetto di riempimento.

Ovviamente è un trattamento che non mettiamo mai a paragone con un attività chirurgica ma che è da prendere in considerazione in alternativa all’atto cruento e chiaramente consigliabile in caso di adiposità localizzate e lassità cutanea su zone morbide come fianchi, cosce, braccia o addome per avere dei risultati soddisfacenti.

FR Clinic © 2019. All rights reserved.